La mia vita senza caffe’ – giorni 1-4

Lo so, lo so, sto drammatizzando e non c’e’ bisogno, ma condivido con voi questo esperimento live. Con toni ridicol-drammatici, ecco i miei giorni, dal primo al quarto….

Giorno 1. Non prendere il caffe’ appena sveglia mi devasta. Ho sonno, e’ domenica, mi tiro in giro. Nel tardo pomeriggio io e K passiamo da lui in volata per prendere delle cose prima di andare da un’altra parte, ci impiega mezz’ora e io nel frattempo mi addormento sul divano e dormo.

Giorno 2. Questa e’ la prova del nove: non prendere il caffe’ durante un giorno lavorativo, quando non posso parcheggiarmi su un divano e dormire. Ogni dieci minuti guardo l’ora, aspettando non so bene cosa, visto che non c’e’ un’ora entro la quale devo resistere, quell’ora e’ MAI! Nel pomeriggio mal di testa leggero e letargia. Prendo un te’ (concesso un te’ al giorno), effetto nullo, il mal di testa peggiora. Efficenza ridotta. Sono NordKappp al 60%.

Giorno 3. Mi accorgo che non e’ il fatto di non prendere il caffe’ che mi devasta, ma e’ il pensiero in se’ di non bere caffe’, di non avere quel mio momento preferito in assoluto la mattina quando comincio a funzionare. E’ il pensiero di non avere quel kick mattutino che spara in alto la mia efficienza cerebrale. Di non avere niente che sia una scusa decente per fare una pausa in ufficio. Questo mi convince del mio rapporto non salutare con la sostanza. A meta’ mattina prendo un decaffeinato: e’ talmente disgustoso che ne lascio li’ meta’. Niente mal di testa. Mi sento molto energica, tanto che decido per una corsetta di 7km prima di cena. Mi addormento in fretta.

Giorno 4 (oggi). Altra prova del nove: mi sveglio presto per andare a Londra, con una giornata fitta di riunioni e incontri con persone con cui devo interagire lavorativamente. Di nuovo: il non prendere il caffe’, anzi, l’idea come dicevamo, mi devasta e anzi, e’ la prima cosa che penso quando la sveglia suona all’alba (si’, siamo a questi limiti…). L’assenza del rito del caffe’ sul treno (io, caffe’, brioche e giornale) mi pesa come un macigno, allora per compensare mi compro uno yogurth. In ufficio e’ difficile rifiutare le offerte di un drink, ma io tengo duro, tranne in una occasione, in cui cedo con un latte e Nesquik (che qui osano chiamare cioccolata). Mi viene in mente che questo voto potrebbe potenzialmente costarmi qualche chilo di troppo. Scaccio il pensiero vehementemente. Niente mal di testa.

Bilancio e conclusioni YTD: la mia era (e’?) dipendenza piu’ psicologica che fisica. Se non prendo il caffe’ non funziono, o cosi’ pensavo, ma non e’ cosi. Faccio fatica a non pensare ad una pausa caffe’ e questo a volte mi deconcentra. I miei livelli di energia sono decisamente piu’ stabili durante la giornata, sono piu’ tranquilla e mi addormento piu’ facilmente.

To be continued…..

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a La mia vita senza caffe’ – giorni 1-4

  1. aliinoo ha detto:

    Ho la soluzione.
    Fatti un caffè.

  2. alessiaton ha detto:

    Dai tempo al tempo e resisti. Razionalizza: prima senza caffè funzionavi bene? Allora funzionerai ancora.

E lascia due righe di commento, daaai!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...